December 9, 2023

In:Ho disattivato le notifiche dell’app di appuntamenti. Non mi interessano i Mi piace su Instagram. L’unica notifica che mi chiede di sbloccare il telefono è quella che dice: “Una nuova struttura è stata aggiunta alla tua zona.”

Da mesi ormai sono ossessionato dai siti web immobiliari, guardando le case che rientrano nel mio budget e, cosa più allettante, quelle che sicuramente non lo sono.

Con ogni nuova inserzione, immagino una casa diversa per me. come faccio a riempire tre magazzini? Quali serate a tema ospiterei nel mio home theater high-tech? Sono davvero pronto per affrontare il prato?

Potrebbe essere il mio più grande tempo online, ma non posso dire perché lo faccio, o anche cosa ne traggo. Queste e altre questioni moderne sono ciò che cercherò di affrontare in questa nuova serie.

Come giornalista, sono sempre stato interessato alla psicologia, alla cultura contemporanea e alla loro sovrapposizione. Ho segnalato la perdita dei benefici noiain difesa stupiditàcome la nostra dipendenza dallo schermo trasformando i nostri voltie l’impatto della crisi immobiliare su di noi vite sociali (E la nostra vita sessuale)

In questa rubrica quindicinale del Guardian US, esplorerò come vivere bene ed essere felici in un mondo che, siamo onesti, non rende le cose facili. Queste sono domande diffuse ma prive di risposte ovvie, che si sommano a una comune: Perché sono così?

Se ti piacciono gli immobili, forse lo sei anche tu. Un 2021 richiesta ha scoperto che il 35% degli adulti statunitensi ha dichiarato di navigare su Zillow “solo per divertimento”, a volte per ore.

Pubblica un collegamento a Well Actually

L’abitudine derisa Newyorkese E: SNL:. Il rapper Iggy Azalea l’anno scorso reclamato avere una “vera dipendenza” dal sito, nonché i mezzi per indurla; “Continuo a vendere la mia casa per avere una scusa.”

Per il resto di noi, ovviamente, è solo una vetrina. “Cercare case online è diventata una forma di evasione”, suggerisce Daniel Copley di Zoopla, la risposta del Regno Unito a Zillow.

Ma ho cominciato a chiedermi se fosse del tutto innocuo. A volte mi ritrovo a sentire nostalgia di casa, frustrato e persino arrabbiato per tutte le case che non potrò mai permettermi.

Non è la stessa distrazione inutile che guardare le visite guidate delle celebrità o scegliere abiti da ballo dalle pagine di Vogue; i nostri sogni immobiliari non possono essere separati dall’incubo a occhi aperti che è diventato l’edilizia abitativa.

L’accessibilità negli Stati Uniti è la peggiore degli ultimi decenni, colpendo potenziali acquirenti e affittuari. La crisi è più acuta nelle grandi città (anche non le coste), dove c’è carenza di offerta coinciso aumento dell’affitto. L’anno scorso, il rapporto medio nazionale degli affitti negli Stati Uniti ha raggiunto il 30% prima volta nel corso dei decenni.

È una storia simile nel Regno Unito. Affitto medio mensile a Londra dove vivevo ora oltre £ 2.600 ($ 3.218,93); Non mi vedo mai tornare indietro.

Una fila di case sullo sfondo di prati verdi
A Londra, dove vivevo, l’affitto medio mensile supera oggi le 2.600 sterline (3.218,93 dollari); Non mi vedo mai tornare indietro. Foto: Justin Tallis/AFP/Getty Images

Tuttavia, di tanto in tanto cerco annunci nel mio vecchio quartiere, vagando tra squallidi studi e gloriosi parcheggi pieni di paura; Come per molti Quello?

Ritirarsi nella fantasia sui possedimenti, o su ciò che vogliamo ma non possiamo avere, ci influenza in modo diverso.

“Per la maggior parte delle persone, può essere completamente innocuo”, afferma Marie Houghton, MD. Ma per altri, la fantasia può essere una discrepanza; “un modo di rimuginare, di pensare ad altre cose che non puoi avere e che può portare a sentimenti di colpa.”

Sembra che gli individui che si collocano in alto nel nevroticismo in particolare propenso a di quest’ultimo (vai a capire). Ma anche i proprietari della propria casa potrebbero non sentirsi abbastanza sicuri da distogliere lo sguardo dal mercato per paura che i loro beni primari perdano valore. Danny Dorling, professore di geografia umana all’Università di Oxford, menziona amici che sembrano conoscere “ogni proprietà” in vendita a livello locale;

Riflette lo stress e l’ansia ora inerenti all’edilizia abitativa, anche per chi ha la fortuna di possederne una. Mantenere attivi gli allarmi delle proprietà, suggerisce Dorling, “può essere un modo per contare le tue benedizioni; “Grazie a Dio non sono più sul mercato.”

Ricordo il rampicante di amici in coppia, che scivolava attraverso il mio tallone, ringraziando la loro buona stella per essersi sistemati. Potrebbe avere ancora più senso nel settore immobiliare. secondo uno domanda Il 49% delle persone preferisce navigare su Zillow piuttosto che fare sesso. Ma come nella realtà, il fascino del “porno immobiliare” è il divario tra fantasia e realtà.

Ad alimentare la nostra febbrile attesa è la debole speranza che saremo noi i fortunati che si imbatteranno nel leggendario “affare”. Ma i prezzi delle case sono ora 16 volte più alti dei redditi delle famiglie nelle piccole città, la triste realtà è che per molti possedere un immobile in Generation Rent è fuori questione. Un recente sondaggio ha rilevato che il 66% degli affittuari negli Stati Uniti sentire “senza speranza” riguardo all’acquisto. Allora perché continuiamo a premere il naso contro la finestra?

Una casa non è mai solo mattoni e malta. è la tua casa e per molti un simbolo di maturità. “È legato a molte idee sul successo e sul ‘farcela'”, afferma Houghton. Molti di noi sono stati condizionati fin dall’infanzia che un mutuo è un obiettivo, un punto di riferimento e persino un bene morale; “È difficile non notarlo.”

Possiamo razionalizzare la navigazione su Zillow come ricerca di mercato, ma ci concentra anche su ciò che non possiamo avere. Houghton collega questo “Crudele ottimismo”coniato dal defunto scienziato americano Loren Berlant per descrivere qualcosa che vuoi diventi “un ostacolo alla tua prosperità”.

Oggi, l’ideale della proprietà della casa è uno di questi “attaccamenti problematici” che rappresenta la promessa non mantenuta che ci viene costantemente ricordata. Nel frattempo, le alternative non sono ovvie. “Sebbene aggrapparsi alla speranza sia dannoso, se abbandoni l’idea, potrebbe non trovare un sostituto e può farti sentire senza speranza”, afferma Houghton.

Abbandonare del tutto un obiettivo significa abbandonare le norme sociali, aggiunge. “Quasi influenza la tua identità.”

Io posso dire. Negli ultimi dieci anni ho vissuto in tre città, ma in nessuna in cui fosse possibile acquistare o addirittura affittare un appartamento per conto mio. Mi faceva sentire sempre più teso e impotente, come se i miei legami fossero temporanei.

C’era poco che potessi fare per la crisi immobiliare. Ma mi sono reso conto che avrei potuto riformulare le mie idee di successo al suo interno e elaborare la mia visione, anche se modesta.

Ho deciso che vivere da sola era più importante per me che vivere a Londra e mi sono trasferita in una città più piccola e più economica. È stata una decisione agrodolce, ma mi ha anche aiutato a sentirmi meno preoccupato per ciò che non potevo avere, fare o cambiare, e più in sintonia con ciò che era effettivamente sotto il mio controllo.

Ecco perché cerco di ricordarmelo quando controllo gli ultimi annunci nella mia zona. forse quello che cerco veramente è una promessa di stabilità, la prova che l’appartamento è rotto, o anche un motivo per smettere del tutto di cercare.

Ma non ha senso guardare con tranquillità al mercato immobiliare. può persino minare il nostro senso di libertà e consumare il nostro tempo e le nostre energie. Quando la scala è così rotta, invece di chiederci perché non possiamo salire sul gradino più basso, possiamo essere più felici quando ce ne andiamo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *